Home   Il Dirigente    Plessi scolastici    Progetti   Contatti  
 

Istituto Comprensivo "E. Toti" - Musile di Piave

AREA B.E.S.





L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO: RUOLO E FUNZIONE

L’insegnante di sostegno è un insegnante specializzato che viene assegnato, in piena con titolarità con gli altri docenti, alla classe in cui è inserito il soggetto diversamente abile. La sua assegnazione è essenziale per attuare “forme di integrazione a favore degli alunni portatori di handicap” e “realizzare interventi individualizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni.
L’insegnante di sostegno ha un ruolo determinante nel processo di integrazione quanto più si qualifica e si distingue come risorsa competente e mediatrice.
Integrato nell’organizzazione della scuola, l’insegnante di sostegno non si limita al rapporto esclusivo con l’allievo in situazione di handicap, ma lavora con la classe, così da fungere da mediatore tra l’allievo disabile e i compagni, tra l’allievo disabile e gli insegnanti, tra l’allievo disabile e la scuola.
L’insegnante di sostegno dovrebbe poter lavorare con gli insegnanti di classe in sede di programmazione e di individuazione di strategie atte alla realizzazione di processi integranti di insegnamento. Nel team teaching, questo insegnante “speciale” si dovrebbe pertanto trovare a pianificare con i colleghi l’attività d’insegnamento per tutta la classe ed assumersi, in rapporto a sue specifiche competenze didattiche, alcune responsabilità d’insegnamento per i diversi alunni.
Il compito dell’insegnante di sostegno dovrebbe quindi essere quello di collaborare con gli altri insegnanti al fine di adattare il curricolo pensando a tutti gli studenti, esaminando i problemi che si potrebbero incontrare e sviluppando metodi di insegnamento e materiali che permettano il loro superamento e, nel fare ciò, trattando le difficoltà dei soggetti disabili come aree problematiche del curricolo stesso più che bisogni speciali di un solo soggetto.

L'insegnante di sostegno ha le seguenti competenze:

1) Competenze generali relative alla situazione di handicap:
  •    competenze relazionali, sapere lavorare in team con gli altri operatori;
  •    facilitare il lavoro di rete tra operatori scolastici, extrascolastici, famiglie;
  •    svolgere attività di tutore e compresenza in classe;
2) Competenze disciplinari relativamente alla propria area di nomina:
  •    competenze metodologiche;
  •    competenze teoriche e applicative di contenuti.

Disposizioni / Adempimenti
  •    Assume la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui opera;
  •    Prevede un interscambio tra docenti di sostegno e docenti di classe nelle attività di classe per  favorire  l’integrazione (in particolare nella scuola dell’infanzia e primaria);
  •    Partecipa alla stesura di tutti i documenti e progetti per l'integrazione;
  •    Partecipa a pieno titolo alle operazioni di valutazione con diritto di voto per tutti gli alunni della classe.


«Back   Torna su   Next»